Archive for the 'iniziative' Category

Rebelde Camp, liberi di sognare…

Rebelde Camp 2011

Anche quest’anno la Rete organizza il Rebelde Camp: centinaia di studenti da tutta Italia si riuniranno per una settimana a Marina di Massa, Parco Comasca (foto) per un evento all’insegna del divertimento, con concerti, dibattiti, workshop, mare sole e tanto altro!

Un’occasione per incontrarsi e confrontarsi, per parlare delle nostre vite, per parlare dei nostri problemi, per organizzare la mobilitazione studentesca del prossimo anno, per ragionare e proporre idee nuove e cambiare la realtà che viviamo nelle nostre scuole, nelle nostre città, nel nostro paese.
Un modo divertente di trascorrere una bella vacanza in compagnia di altri studenti provenienti da tutta Italia!

Periodo

Arrivi previsti per il 23 Luglio pomeriggio; i lavori del campeggio apriranno ufficialmente il 24 Luglio.
Il campeggio si chiuderà il 31 Luglio, con partenza il 1 Agosto.
Naturalmente non è obbligatorio trascorrere in campeggio l’intero periodo (7 giorni): ognuno può arrivare e ripartire quando desidera.

Servizi

Sarà possibile mangiare e ristorarsi direttamente in campeggio a costi contenuti, dato che saranno disponibili, gestiti da noi, un bar e una mensa (pranzo e cena).

All’interno del parco è disponibile un campo sportivo che potremo utilizzare per organizzare tornei di calcio, calcetto e altro.

A poche centinaia di metri il mare

Google Map Rebelde Camp

Costo

Il costo per il soggiorno in campeggio è 10 euro a persona per notte, senza altri costi aggiuntivi.

Contest Musicale

Durante il campeggio si svolgerà anche l’ormai storico Rebelde Contest, con band studentesche da tutta Italia: tre serate di concerti, il 26 – 27 – 28 Luglio.

Per qualsiasi informazione contattaci tramite mail rebeldecamp@gmail.com

Annunci

Manifestazione concerto 17 novembre a Massa

17 novembre
International Students Day of Action
giornata mondiale di mobilitazione studentesca per il diritto allo studio

Bellissima la giornata di mobilitazione studentesca del 17 novembre in provincia di Massa Carrara.

A Massa si è svolta una manifestazione corteo e a seguire un ‘energetico’ concerto studentesco: una delle manifestazioni più belle e partecipate degli ultimi anni, una giornata che ha dato voce a chi nelle scuole ha ancora voglia di lottare e di cambiare le cose, che ha dato spazio a chi ha voglia di esprimere, anche musicalmente, il proprio dissenso verso scelte poco credibili nei confronti degli studenti e del loro futuro.

Il video della manifestazione a Massa:

Un brano del concerto:

Le ragioni della protesta:
17 novembre – giornata mondiale della mobilitazione studentesca
Diritto allo studio = diritto al futuro

17 novembre giornata mondiale della mobilitazione studentesca

17nov


Diritto allo studio è diritto alla qualità, a una scuola che funziona
.
Basta con i tagli e la riduzione degli orari
! Vogliamo una scuola in cui poter imparare di più e meglio, con metodi didattici nuovi e con l’utilizzo delle nuove tecnologie e di laboratori all’avanguardia. Servono maggiori investimenti, l’assunzione e la formazione degli insegnati e del personale della scuola.
Chiediamo che venga fermata la riforma della scuola secondaria; in particolare non accettiamo che già dal prossimo anno vengano ridotte le ore lasciando inalterati i programmi, con la conseguenza che noi studenti dovremo studiare di più da soli!

Diritto allo studio è dignità e futuro per gli istituti tecnici e professionali.
La Gelmini vorrebbe farli sparire e già adesso sono quelli più colpiti dai tagli del governo. Per il futuro degli istituti tecnici e professionali servono maggiori investimenti per la formazione dei docenti e per la dotazione dei laboratori. Gli istituti professionali devono essere riformati, non eliminati! Gli orari non possono essere ridotti in maniera indiscriminata come propone il ministero e non possono essere previsti impedimenti per chi dopo aver scelto un istituto professionale o tecnico vuole fare l’università. Inoltre chiediamo che venga fermato lo scandalo dello sfruttamento degli studenti che fanno stage e alternanza scuola lavoro: le esperienze del mondo del lavoro devono essere realmente formative, gli studenti che le affrontano devono avere diritti e tutele!

 

Diritto allo studio è diritto ad avere tutti le stesse opportunità.
Studiare costa troppo! Diritto allo studio è prima di tutto accesso gratuito ai saperi. Nelle nostre scuole aumentano i contributi richiesti alle famiglie e sono sempre meno i servizi offerti. Chiediamo che i corsi di recupero vengano fatti in maniera corretta e utile e che siano gratuiti. Chiediamo una legge nazionale sul diritto allo studio, con investimenti straordinari a livello nazionale e locale per abbattere i costi tra noi e la scuola, tra noi e il futuro. Trasporti, libri di testo, materiale didattico costano troppo e molto spesso sono un lusso.

Diritto allo studio è interculturalità.
Ci dicono che i crocefissi sono la tradizione, ma noi la tradizione che vogliamo preservare è quella di vivere in un paese accogliente e interculturale. Il governo ha creato il reato di clandestinità e anche nelle nostre scuole dilaga il razzismo, ma noi sappiamo che l’unica risposta all’immigrazione è la costruzione di un domani in cui regole e leggi siano condivise da tutti, come dice la nostra costituzione. Questa condivisione può avvenire solo nella scuola pubblica e in un contesto completamente laico dove non ci siano ore di religione cattolica o islamica, ma dove si approfondiscano culture e religioni diverse per trovare insieme le parole del futuro.

Diritto allo studio è sicurezza.
Le nostre scuole sono edifici fatiscenti e insicuri, dove ogni giorno rischiamo la vita per la carenza di sicurezza e per l’inadeguatezza delle strutture. La Gelmini ha promesso più investimenti, ma per ora ha solo aumentato il numero di studenti per classe, creando ulteriori problemi dovuti al sovraffollamento.
Vogliamo scuole più sicure ma anche più aperte, i cui spazi siano messi a disposizione nel pomeriggio per noi studenti e per la comunità locale.

Diritto allo studio è università pubblica, per tutti.
La riforma della secondaria vuole rendere più difficile l’accesso all’università, inserendo test e contro test per chi vuole continuare gli studi dopo la secondaria e non ha fatto un liceo. Intanto la riforma dell’università mira a distruggere il carattere pubblico degli atenei privatizzandoli e togliendo loro le risorse dello Stato.

Diritto allo studio = diritto al futuro

La scuola italiana è ogni giorno al centro di polemiche: crocefissi, ore di islam, grembiulini e bullismo tengono banco su telegiornali e prime pagine dei quotidiani. Il mondo giovanile e studentesco appare sfocato, sullo sfondo di tanti pseudo-dibattiti televisivi, buoni non tanto per approfondire gli argomenti trattati quanto per fare audience, magari con l’ennesima rissa o con l’esibizione di populistica maleducazione del potente di turno. Molto al di là dei prevedibili pareri degli opinionisti di regime, oltre i commenti dello psicologo di turno, sotto gli slogan ministeriali, si nascondono invece i problemi di un’istruzione pubblica allo sfascio, senza risorse, incapace di offrire valide prospettive agli studenti di oggi. Una scuola di cui nessuno realmente parla.

Il ministro dell’istruzione Gelmini nominalmente si è proposta come paladina del merito e della qualità; ma alle dichiarazioni di principio sono corrisposti solo fiumi di atti, circolari, decreti e regolamenti (tra l’altro pieni di contraddizioni, errori e incongruenze) con l’unico vero scopo di mettere in pratica un mastodontico taglio di risorse a cui Tremonti ha sottoposto la scuola, l’università e la ricerca.
Tale ‘cura dimagrante‘ imposta a un malato già privo di forze e da anni abbandonato a se stesso, non poteva che causare un rapido e ulteriore deperimento del nostro sistema di istruzione e formazione: le scuole non riescono più a svolgere le attività minime, gli studenti sono costretti a pagare di tasca propria i corsi di recupero, rimangono solo i docenti anziani mentre vengono chiusi i laboratori negli istituti professionali.

Sul web (e molto poco sui giornali) ci si chiede, con interpretazioni più o meno informate, più o meno ideologizzate,  quale sia il senso di questa confusa azione di governo, se sia   ripristinare la scuola di classe, riesumare la mai sepolta riforma Moratti e imporre un modello aziendalista alle scuole e alle università.

A noi sembra che l’intenzione del governo sia piuttosto semplice, oltreché arida: tagliare indiscriminatamente risorse, lasciare che le scuole cadano letteralmente a pezzi, azzerare la qualità della scuola elementare [unica eccellenza senza sprechi di un sistema nel complesso sprecone e dai bassi risultati].
Licenziare i docenti, non spendere un euro per la loro formazione, svendere le università pubbliche, non significa creare un modello di istruzione diverso o alternativo da quello esistente o da quello propugnato (quale?!?!) dalla fantomatica “sinistra”; significa semplicemente approfittare della crisi per liquidare qualsiasi impegno del pubblico nella formazione dei cittadini, privandoli non solo della scuola, dell’università e della ricerca, ma anche di quel sistema di formazione permanente che l’Europa individua come uno degli elementi fondamentali per il welfare di un Paese, e che in Italia invece non è mai nato.
La scuola e l’università non consentono ai giovani di acquisire valore sociale, non forniscono un valido bagaglio di competenze e conoscenze con cui affrontare il mondo del lavoro, non permettono di affrancarsi dalla propria condizione di partenza attraverso lo studio: questi progetti, appartenuti ai nostri genitori e ai nostri nonni, per noi rischiano di rimanere solo un sogno.

Alla promozione sociale, alla ricerca, allo studio e allo sviluppo tecnologico, ai diritti e alle garanzie costituzionali, si sostituiscono i privilegi, le raccomandazioni, i meccanismi mafiosi: la precarietà è un presupposto per rendere tutti ricattabili e potenzialmente prostituibili.
Se si pensa a una società, a un mondo di tal genere, se lo si pensa come giusto o inevitabile, è normale che la scuola e l’università appaiano semplicemente come dei costi inutili, da tagliare. Per noi tale visione non solo non è giusta, ma non vogliamo proprio vederla realizzata sulla nostra pelle.

Ecco perché la Rete degli Studenti continua con le mobilitazioni nelle scuole e nelle piazze, sottolineando il diritto allo studio come diritto fondamentale per la costruzione del nostro futuro. Il 17 novembre, giornata mondiale di mobilitazione studentesca per il diritto allo studio, manifesteremo in tutta Italia con cortei e iniziative culturali.
Gli studenti sono delusi e stremati dal teatrino ministeriale e mediatico: hanno bisogno di nuove speranze, vogliono dare voce al loro dissenso e alla voglia di cambiamento, che cova sotto la falsa vetrina delle notizie di colore e delle polemiche che oscurano il vero stato della scuola italiana e le prospettive degli studenti.

 

20091009104444

Riunione in preparazione del 17 novembre

Mercoledì 28 ottobre a Massa, in piazza Mercurio, di fronte alla biblioteca, alle 18.30, riunione per organizzare la giornata internazionale degli studenti, il nostro 17 Novembre !

  • programmazione della giornata
  • associazioni invitate
  • artisti di strada e musicisti
  • organizzazione concerto
  • varie ed eventuali

La mobilitazione continua

Venerdì 9 ottobre siamo scesi in piazza per ribadire che vogliamo un futuro, e una scuola che ci aiuti a costruirlo. Vogliamo che ci si occupi di noi, non solo dai guai del premier tra escort e processi giudiziari.

Siamo scesi in piazza con i nostri problemi: scuole che cadono a pezzi, corsi di recupero che non esistono costringendoci a lezioni private a pagamento, laboratori che chiudono per scarsità di personale o carenza di materiali, corsi di studi eliminati dai tagli della Gelmini.

In una scuola che già non funzionava a dovere e non era in grado di garantirci una formazione adeguata, le conseguenze  delle riforme fasulle e dei tagli di bilancio diventano ancor più letali.
Dalla piazza abbiamo rispedito al mittente le bugie del “teatrino Gelmini”: senza soldi non c’è riforma che possa funzionare.

A Massa, come in tante altre città, venerdì 9 ottobre ci siamo fatti vedere e ci siamo fatti sentire; da piazza Garibaldi è partito il corteo dell’Onda Studentesca: colorato e rumoroso  ha ribadito le rivendicazioni e le proposte degli studenti.

vostra la crisi, nostra la rabbia

manifestazione 9 ottobre 2009 massa

Dopo il successo delle manifestazioni che si sono svolte in tutta Italia, è necessario continuare nel lavoro di informazione e di mobilitazione  all’interno delle scuole: ancora troppi studenti, anche se vivono il disagio sulla propria pelle, non sanno inquadrare i problemi che devono affrontare, non sono informati su come e perché le cose non funzionano, su cosa li aspetta se le riforme e i tagli proseguono nell’attuale direzione. Alcuni si sono fatti prendere dallo sconforto e dalla delusione dopo che l’Onda, l’anno scorso, non ha trovato riscontro ne’ ascolto da parte del governo, che ha fatto muro, intenzionato a proseguire nel suo corso senza ascoltare la voce degli studenti.

Ma gli studenti non si fanno prendere in giro, non sono disposti a pagare la crisi rinunciando al proprio futuro.
La mobilitazione continua…

la lotta continua
Guarda lo slideshow con le foto della manifestazione
Leggi le nostre rivendicazioni e le nostre proposte

Flash mob: Facciamoci Vedere !

La Rete degli Studenti lancia il primo “flash mob” massese!

Flash mob = raggruppamento improvviso  in uno spazio pubblico per mettere in pratica un’azione insolita
( http://it.wikipedia.org/wiki/flash_mob )

Davanti alle scuole superiori di Massa, la consegna per la mattina di giovedì 8 ottobre era: “allo scoccare della campanella tutti con i giubbetti catarifrangenti”.

flash-mob

Un indumento vistoso per “farci vedere”: un anticipo della manifestazione nazionale del 9 ottobre, che ha aperto  l’autunno studentesco sui temi caldi della scuola:

  • Più democrazia, no alla privatizzazione dell’istruzione!
    Ritiro del PDL Aprea: la rappresentanza studentesca va incrementata non ridicolizzata. La scuola non è una azienda.
  • Qualità=finanziamenti! Investimento maggiore nei settori della conoscenza e dei saperi  (almeno a livello pari a quello degli altri paesi europei). Da subito un investimento straordinario triennale di 13 miliardi per l’edilizia scolastica
  • 25000 persone (precari) senza lavoro. Gli studenti ssono in piazza accanto a loro, e non si tratta solo di solidarietà.
  • La scuola come polo di democrazia, di integrazione, di crescita nelle differenze: antirazzista, antiomofoba, antifascista
  • Legge quadro nazionale sul Diritto allo Studio
  • Piano di finanziamento al fine di coprire l’assistenza per il recupero dei debiti
  • Basta al falso merito! Vogliamo un sistema di valutazione che ci aiuti a crescere e raggiungere il successo formativo; Abolizione del voto di condotta
  • No ai licenziamenti, si alla valutazione di docenti e scuole. Sistema di corsi di aggiornamento permanenti  e di valutazione per il corpo docenti che tenga conto anche del giudizio degli studenti.
  • Più insegnanti di sostegno, più preparati e meno precari, in tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Il governo continua a vedere la scuola e i settori della conoscenza come capitoli di bilancio da tagliare, impoverendo e privatizzando la scuola,
attaccando il nostro presente, negandoci un futuro.

facciamoci vedere
Gli studenti ci sono e si fanno vedere !


Argomenti

Immagini Recenti

Agenda

Venerdì 5 Febbraio ore 17.30
Biblioteca Comunale
Riunione

Da scaricare:

Kit anti-ballismo
Dieci consigli su come difendersi dalle balle che cercano di raccontarci sulla scuola...
> Scarica subito il kit !

Non sulla nostra pelle !
Studenti contro la crisi: il nostro punto di vista
> Scarica subito il kit !

( tasto dx del mouse > salva destinazione con nome )

settembre: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930