Posts Tagged 'gelmini'

“Avvisiamo le gentili famiglie degli studenti che LA SCUOLA POTREBBE CROLLARE”

Può sembrare una provocazione, ma un avviso del genere dovrebbe essere esposto in molte scuole italiane.

La nostra associazione ha portato più volte all’attenzione dei media la situazione dell’edilizia scolastica; il perché sembrerebbe palese, ma probabilmente non basta ancora: le nostre scuole mancano dei più elementari requisiti di sicurezza , degli spazi per i disabili, del materiale per lo studio.

Prima vittima di questa indecenza a Massa è il palazzo che ospita il nostro Istituto D’Arte: vecchio e fatiscente, oltre ad essere la dimora di un inquilino abusivo, non possiede alcuna scala antincendio agibile, e per questo è stato messo sotto accusa. Ora esiste la possibilità che gli studenti vedano chiudersi la scuola in faccia , senza una struttura che possa accoglierli, con il rischio di perdere l’anno scolastico.

Questo è il culmine di una situazione insostenibile: non si può parlare di edilizia soltanto dopo i crolli!

Come sindacato studentesco vogliamo avviare un’ indagine, fatta dai protagonisti stessi della scuola, sulle reali condizioni delle strutture che ci ospitano.

Per questo chiediamo a studenti e studentesse di inviare foto, video, interviste, relazioni e tutto ciò che vi sembra adatto per descrivere le condizioni in cui versano gli edifici scolastici, le mancanze, i rischi che corriamo ogni giorno.

Appena raccolto materiale sufficiente organizzeremo una mostra fotografica, così da far vedere alla cittadinanza come sono i luoghi in cui passiamo la maggior parte del nostro tempo, nel bene e nel male.


Inviate il materiale alla mail del blog

oppure ad Angelica angycats@hotmail.it

o ad Alessandro cricketmail@tiscali.it


Schede / guide di valutazione sicurezza:

Scuola Sicura: controlla la tua scuola
Indici minimi per l’edilizia scolastica e la didattica
Vademecum Igiene e Sicurezza nelle scuole
Schede sicurezza scuola ideale secondo IMQ

Documentazione e approfondimenti:
Il dossier Ecosistema Scuola 2008 di LegAmbiente
Il rapporto Imparare Sicuri 2008 di CittadinanzAttiva
Manifesto per una Scuola Sicura (2003)
Note e approfondimenti dalla Regione Emilia-Romagna

Come facciamo a crepare in fabbrica se ci ammazzate prima?

Annunci

La Befana della Gelmini

Nella calza befanadel ministro ne’ caramelle ne’ carbone, ma i nostri problemi.

Se fossero gli studenti a vestire i panni della Befana, il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, troverebbe nella calza qualche consiglio e qualche invito, ma soprattutto un promemoria dei problemi reali della scuola, e qualche soldino da destinare alla messa in sicurezza degli edifici scolastici.

Il primo ‘dono’ della Rete degli Studenti e’ l’augurio di una maggiore autonomia per il suo ministero,  accompagnato da un briciolo di orgoglio: dato che nominalmente non sarebbe  una semplice portavoce, ma  risulterebbe addirittura essere ministro della Pubblica Istruzione, vorremmo che avesse qualche competenza in più e dimostrasse la capacita’ di esercitare un ruolo più indipendente dagli altri ministri, soprattutto da Tremonti.

Poi nella calza del Ministro metteremmo un briciolo di capacita’ di ascolto che lei, in questi mesi, ha dimostrato di non avere.

Ancora, nella calza metteremmo un promemoria di alcuni dei problemi e delle preoccupazioni che i ragazzi vivono quotidianamente: dal recupero dei debiti scolastici (una questione molto preoccupante, visto che quasi nessuna scuola, per mancanza di fondi, attiva i corsi di recupero), ai regolamenti di riforma del sistema scolastico.

Infine le lasceremmo un miliardo di euro, da investire immediatamente nella messa in sicurezza degli edifici scolastici: un problema da non dimenticare…

.
Riferimenti:
Berlusconi e la Befana
Tremonti e la Befana
Gelmini e la Befana
Canzone della Befana e della Scuola

Aggiornamenti:
La Befana vien di notte
… e ci lascia il carbone

Gelmini su YouTube: videorisposte

Gelmini su youtube Gelmini sbarca su YouTube? .Ben arrivata‘ !

Con fare giovanile e simpatico, in tenuta da ragazza del portatile accanto, (di color ciclamino vestita, ma pur sempre alquanto compita) la Gelmini e’ sbarcata ufficialmente sul pianeta internet. Lo ha fatto in grande stile, tra rulli di tamburo e squilli di tromba delle agenzie: ha acquisito un bel canale partner su YouTube, ed  è partita per la sua nuova avventura.
Pare che la decisione del ministro nasca dal suo smodato desiderio di dialogo con il mondo giovanile e studentesco, di cui cerca di adottare, con la meticolosa attenzione di un’etnologa, le tecniche e i metodi di comunicazione, nonchè le modalità di scambio informazioni e di dialogo tipiche della rete.

Ci chiediamo quindi come mai in precedenza non abbia mai voluto dare ascolto agli studenti, scesi in questi mesi a migliaia nelle piazze, per chiedere a gran voce proprio ciò che lei afferma di voler fare: cambiare la scuola, superare lo status quo, eliminare gli sprechi e ridare slancio alla scuola pubblica.

La Gelmini, al contrario, in questi stessi mesi ha scelto di non consultare nessuno, procedendo a testa bassa (non aveva tempo per ascoltarci), seguendo imperterrita il progetto Tremonti: considerare la scuola come una banale voce su cui risparmiare per far quadrare i conti.
Afferma di voler abbattere i privilegi, ma invece taglia indiscriminatamente verso il basso, rafforza la scuola privata e i baronati universitari, toglie opportunità e fa venir meno per molti il diritto allo studio, lasciando ancora una volta spazio solo ai più forti.

Ora, a cose fatte, e’ arrivata su YouTube, decisa a comunicare con il popolo di internet, chiedendo risposte e ‘anche’ critiche: siamo sicuri non mancheranno!

Certo, prima o poi dovrà confrontarsi anche con il mondo reale, incontrarci di persona e discutere con gli studenti e gli insegnanti le numerose proposte che vengono dalla scuola, e magari sentire anche il parere di qualche esperto, che non mancherà di sicuro al ministero, invece di dare retta solo al capo e a Tremonti.
Nel frattempo, per aiutarla a conoscere quei pareri che finora non ha voluto ascoltare, per aiutarla a raccogliere informazioni corrette e non basarsi sui dati approssimativi o errati che finora le hanno rifilato, per segnalarle quanto siano bislacche le teorie pedagogiche e didattiche che qualcuno le ha contrabbandato per buone, per aiutarla a delineare una vera riforma costruttiva, capace di rilanciare e non umiliare la scuola pubblica, il canale YouTube ‘RISPONDI alla Gelmini‘  è a disposizione di tutti coloro che desiderano contribuire al dibattito con un video di risposta o di proposta :

http://it.youtube.com/groups_videos?name=RISPONDIallaGelmini

Le offese viste su qualche commento ai video o al suo canale non servono a molto. Ha detto di non capire come mai tanta gente è scesa in piazza a protestare. Cerchiamo quindi di proporre dei video e dei commenti costruttivi:  si, sarà faticoso, ma qualcuno dovrà pur mettersi lì e spiegarle tutte quelle questioni…

.

>>. Gli altri video della playlist “Rispondiamo alla Gelmini

Riferimenti:
No ministro Gelmini, così non va!
La Gelmini sbarca su YouTube
Rispondiamo alla Gelmini

Massa: manifestazione 17 Ottobre 2008

Scuola in Piazza

Stiamo organizzando una mattinata di lezioni all’aperto in piazza Garibaldi (diventata ormai la nostra sede…) per Giovedì 23 Ottobre con inizio alle ore 9.

Si tratta di un evento simbolico per protestare contro il tentativo di affossare la scuola pubblica con il DL Gelmini e la legge Tremonti.
E’ anche un’ulteriore occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica in merito a questi spinosi temi.

Mancano soltanto alcuni dettagli relativi ai banchi; alcuni li abbiamo già ottenuti dalla Malaspina, Angelica dovrebbe richiedere gli ultimi alla provincia nella mattinata di mercoledì.
Per quanto riguarda i permessi per l’utilizzo della piazza, non ho chiesto ma credo sia tutto a posto, dato che si sta già pensando ai banchi (chiedo conferma).
Esortiamo i professori ad appoggiare l’iniziativa: possono proporre lezioni su qualunque argomento ritengano opportuno.

Ricordo che:

  • Sono invitati a partecipare tutti gli studenti, sia delle scuole medie che delle superiori
  • Vale lo stesso anche per i professori, senza alcuna esclusione
  • La cittadinanza è invitata non solo ad assistere, ma anche a partecipare attivamente.

Per eventuali correzioni, aggiunte o note, potete usufruire dei commenti.

A presto,
Alessandro

 

Aggiornamentolezioni in piazza 23 ottobre 2008 OK ( vedi le foto )

Manifestazioni del 10 e del 17 ottobre 2008

Qui trovi le foto del 10 ottobre,
le foto del 17 ottobre ( anche in slideshow )
oppure l’
album completo


 


Argomenti

Immagini Recenti

Agenda

Venerdì 5 Febbraio ore 17.30
Biblioteca Comunale
Riunione

Da scaricare:

Kit anti-ballismo
Dieci consigli su come difendersi dalle balle che cercano di raccontarci sulla scuola...
> Scarica subito il kit !

Non sulla nostra pelle !
Studenti contro la crisi: il nostro punto di vista
> Scarica subito il kit !

( tasto dx del mouse > salva destinazione con nome )

novembre: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930